PROGRAMMA ATTIVITA’ CPO 2012

La Commissione Pari Opportunità, ricordando che si trova nella fase iniziale del suo mandato istituzionale, per l’anno 2012 intende realizzare un programma che garantisca la prosecuzione delle iniziative già avviate nell’anno 2011 e la predisposizione di nuove attività anche in collaborazione con altri enti, assessorati comunali, associazioni ed altri soggetti istituzionali, in continuità con il lavoro svolto e coerentemente con le finalità proprie della Commissione stessa.

La Commissione Pari Opportunità per l’anno 2012 intende realizzare i seguenti:

PROGETTI

1. Azione di supporto alla realizzazione dell’Accordo Interistituzionale di programma contro la violenza ai minori e alle donne

L’attività della CPO sarà prioritariamente finalizzata a collaborare con i soggetti firmatari dell’Accordo con particolare attenzione:

a) alla realizzazione di un punto di ascolto che svolga attività di accoglienza, garantisca la dimensione di ascolto, analizzi i bisogni e definisca le strategie di accompagnamento ed uscita dalla violenza in collaborazione con il Telefono donna del Centro per le pari opportunità;

b) alla promozione di azioni formative dedicate agli operatori e ai volontari coinvolti;

c) alla realizzazione di iniziative da concertare con gli Istituti scolatici finalizzate ad educare alla costruzione di una cultura della non violenza e all’analisi e al superamento degli stereotipi di genere..

Tale attività assume particolare rilevanza in relazione al percorso individuato dal progetto regionale “Umbria: una rete unica contro la violenza e lo stalking verso le donne e i loro figli minori”

2. Proseguimento del Progetto territoriale didattico educativo “Io, Tu, noi, voi”.

Il progetto, proposto negli anni scolastici 2009/2010, 2010/2011 dalla CPO in collaborazione con la Biblioteca Sperelliana e con la ASL1, vede coinvolti molti partner istituzionali e non. E’ rivolto agli studenti, ai genitori, agli insegnanti delle scuole di ogni genere e grado dei Comuni della Zona Sociale n. 7, agli operatori socio-sanitari dei servizi coinvolti e agli educatori professionali e animatori.

A tale progetto la Commissione intende continuare a collaborare, dopo la fase formativa svoltasi negli anni precedenti, per verificarne la concreta attuazione che si realizzerà nell’anno scolastico 2011-2012 nelle scuole che hanno aderito con alcune classi pilota.

3. Celebrazione dell’8 marzo.

In occasione della giornata dell’8 marzo la CPO intende organizzare alcune iniziative rivolte sia alla cittadinanza sia in modo particolare alle scuole.

La Commissione ha intenzione di proseguire nell’appuntamento ormai consolidato relativo alla proiezione di film o spettacoli che possano stimolare momenti di riflessione sulla condizione femminile.

4. Impegno per la lotta contro la violenza alle donne:

La giornata del 25 novembre deve essere celebrata in tutto il mondo secondo la risoluzione ONU del 17/12/1999 n. 54/134 per ricordare le tante donne vittime della violenza, non soltanto nei paesi sottosviluppati o in guerra, dove la donna spesso è costretta a subire violenze atroci, ma anche nelle nostre realtà vicine, dove molto spesso la violenza si consuma tra le mura domestiche.

La Commissione intende realizzare iniziative che coinvolgano soprattutto i giovani del nostro territorio, attraverso esperienze che li rendano sempre più consapevoli della necessità di impegnarsi per combattere ogni forma di violenza.

In tale contesto si ritiene opportuno continuare anche per l’anno 2012, anche attraverso la Campagna del Fiocco Bianco, la collaborazione con le associazioni sportive, le scuole, la ASL1, i negozi e i bar della città che quest’anno hanno collaborato nel portare avanti l’opera di sensibilizzazione dando una significativa adesione al progetto.

5. Collaborazione con i servizi dell’ASL 1:

La Commissione intende portare aventi il progetto diretto alla donna nel periodo della gravidanza e dopo il parto, già discusso durante gli anni precedenti, sia dal punto di vista della promozione del benessere psico-fisico e sia per quanto riguarda la prevenzione della salute in senso lato.

Particolare attenzione sarà posta inoltre al mantenimento del punto nascita presso il Presidio Ospedaliero di Gubbio e Gualdo Tadino.

La CPO intende infine proseguire l’impegno diretto a monitorare il funzionamento della Senologia e degli altri servizi ospedalieri e territoriali rivolti alle donne.

6. Continuazione della collaborazione con il gruppo di coordinamento LE PAROLE RITROVATE. “le parole ritrovate servono a dare voce e protagonismo a chi non l’ha mai avuto ed a chi l’ha perso, servono a coinvolgere e a lasciarsi coinvolgere da reti allargate di persone, di intelligenze, di sentimenti … il disagio psichico, la malattia mentale, ritrovano posto e dignità nel quotidiano di tutti noi, ritrovano appartenenza in una comunità in cui ciascuno è un poco responsabile di tutti…”,

Tale gruppo di coordinamento, reso operativo a Gubbio (a cura del Dipartimento Salute Mentale della ASL 1) per dare concretezza ai messaggi d’apertura e di solidarietà, continua la sua esperienza e, come avvenuto negli anni passati, la Commissione Pari Opportunità intende collaborare alle attività che avranno corso anche durante l’anno 2012.

7. Collaborazione con il Teatro comunale di Gubbio.

In occasione della rappresentazione teatrale “NATI IN CASA” di Giuliana Musso, che si terrà il 9 marzo, la Commissione collaborerà all’organizzazione dell’incontro con l’artista per alcune riflessioni sulle tematiche affrontate dall’opera.

8. Proseguimento della collaborazione con la Biblioteca Sperelliana, l’Assessorato alla Cultura e Pari Opportunità comunale, altri Assessorati comunali, provinciali, regionali ed organismi istituzionali.

Sulla presenza di iniziative che evidenzino la presenza femminile nei luoghi decisionali attraverso la conoscenza di donne autorevoli che possano essere d’esempio di un impegno profuso per il bene comune e comunque donne che possano testimoniare la loro esperienza significativa d’impegno sociale.

La collaborazione si rende necessaria anche al fine di poter sviluppare nel nostro territorio nuove forme di assistenza e sostegno alle donne in difficoltà e in relazione anche al progetto di cui sopra relativo alla realizzazione di un centro di ascolto.

9. Aggiornamento di materiali di consultazione.

La Commissione continua nell’impegno di portare avanti l’opera di sensibilizzazione anche attraverso l’informazione e l’approfondimento delle svariate tematiche legate al mondo femminile.

Particolare rilevanza assume pertanto l’aggiornamento delle pagine web riservate alla CPO nel sito del Comune di Gubbio.

Infine si ritiene necessario evidenziare di nuovo come già rappresentato nell’anno passato la difficoltà in cui si viene a trovare la Commissione nell’organizzare eventi in maniera autonoma tenuto conto dei limiti posti alla stessa dal regolamento comunale n. 72 del 27.03.2008 riguardante gli uffici e i servizi, nella parte relativa al conferimento degli incarichi di collaborazione occasionale e di collaborazione coordinata e continuativa.

La Commissione ha presentato nel 2011 un’istanza al Sindaco ed alla Giunta per la modifica di tale regolamento. Ciò al fine di consentire alla Commissione la possibilità di conferire incarichi senza l’utilizzo delle procedure comparative e senza dover seguire gli obblighi di pubblicità.

La modifica appare in linea con quanto disposto dal d.lgs. 165/2001 e dalla L. 244/2007 (legge finanziaria per l’anno 2008).

Lo stesso art. 7 della circolare n. 02 dell’ 11 marzo 2008 della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della funzione pubblica – Ufficio Personale Pubbliche Amministrazioni chiarisce che tali procedure comparative sono escluse qualora gli incarichi riguardino “collaborazioni meramente occasionali che si esauriscono in una sola azione o prestazione, caratterizzata da un rapporto “intuitu personae”, che consente il raggiungimento del fine e che comportano, per loro stessa natura, una spesa equiparabile ad un rimborso spese, quali ad esempio la partecipazione a convegni e seminari………..nel presupposto che il compenso corrisposto sia di modica entità, sebbene congruo a remunerare la prestazione resa …”.

Rimaniamo pertanto in attesa di un riscontro a quanto sopra evidenziato.

Per la realizzazione del programma attività 2012 sopra descritto, si prevede come riflesso finanziario un totale di 6.000,00 euro così ripartiti:

1- realizzazione attività 5.500,00 euro;

2- compensi e rimborsi per deleghe e funzioni 100,00 euro;

3- acquisto materiali vari 400,00 euro.

LA COMMISSIONE PARI OPPORTUNITA’